Quanti chili si perdono nel momento del parto?

0
152
parto

Quanti chili si perdono con il parto? Un dubbio che molte donne in gravidanza inevitabilmente si pongono, soprattutto se sono in attesa del loro primo figlio e temono di non tornare più quelle di prima.
Il corpo cambia, acquista forme dovute alla presenza di un altro essere vivente, ed è abbastanza comune chiedersi se, una volta partorito, il peso maturato sulla bilancia scenderà e di quanto.
In fondo è assolutamente normale che il corpo di una donna in dolce attesa subisca qualche fisiologica modifica. Non solo: il senso di appesantimento, il gonfiore e la preoccupazione di non riuscire a tornare in forma donano spesso una visione alterata della realtà.
Vediamo quindi di fare chiarezza e di dissipare ogni incertezza sull’argomento.

Fattori che contribuiscono all’aumento di peso

Prima di arrivare a capire quanti chili si perdono nel momento del parto, è opportuno considerare quanti ne sono stati accumulati nel corso della gestazione del bambino.
Il controllo del peso in gravidanza è infatti un’accortezza fondamentale e necessaria per prevenire un aumento spropositato e non in linea con una corretta alimentazione.
In linea generale, una donna con un indice corporeo considerato nella norma, dovrebbe prendere non più di undici chili dall’inizio alla fine della gravidanza.
L’aumento del peso, in tale lasso di tempo, dipende innanzitutto dalla mole del bambino, ed aumenta mano a mano che il nascituro diventa più grande.
Per le donne caratterizzate da obesità, invece, la situazione cambia e non di poco: in questi casi i medici consigliano di non prendere più di sei chili in tutte e nove i mesi di gestazione, onde evitare conseguenze più serie.
Non è quindi raro, né tantomeno impossibile, riuscire ad aumentare di un solo chilo al mese, grazie ad una dieta sana e ad uno stile di vita attivo (sempre se lo stato di salute della madre lo consente).
Oltre a ciò, e come appena accennato, è bene non dimenticare il peso del bambino, che crescerà gradualmente insieme a quello della madre.
Di conseguenza, nel calcolo dei chili che una donna andrà a perdere dopo il parto è essenziale, per prima cosa, fare un calcolo che comprenda tutti quelli accumulati durante i mesi di gestazione.

Quanti chili si perdono nel momento del parto?

Tra il momento del parto e il periodo detto puerperio (i quaranta giorni successivi alla nascita del bambino), una donna può perdere dai sei ai dieci chili in totale.
Considerando quindi quelli accumulati durante la gestazione, tornare al peso iniziale è tutt’altro che impossibile.
In particolare, se una donna non eccede con le indicazioni alimentari del proprio medico o ginecologo, il peso acquisito nel corso della gravidanza verrà meno proprio a seguito del parto.
Quando viene espulso il bambino (il cui peso, in media, potrebbe facilmente variare dai due chili e mezzo ai quattro chili e mezzo), vengono meno anche la placenta, il liquido amniotico e liquidi vari accumulati nel corso dei nove mesi, per un totale di circa cinque o sei chili.
Ma non è finita qui: come già anticipato, tra i chili persi al momento del parto vanno considerati anche quelli che la neo mamma si lascerà alle spalle durante i quaranta giorni seguenti. La stabilità sarà, infatti, considerata raggiunta soltanto dopo la decima settimana successiva alla nascita del neonato.

Puerperio: quanti chili si perdono nei quaranta giorni successivi al parto

Innanzitutto, è importante precisare che le sei settimane dopo il parto sono molto delicate per una donna. È una fase in cui una neo mamma, piena di incertezze e di dubbi, è solita guardarsi allo specchio e chiedersi se il suo corpo tornerà mai quello di prima. Perché i fatidici quaranta giorni sono un periodo di assestamento, necessari affinché l’utero si ristabilizzi e ritorni alle sue dimensioni originali.
Tutto ciò avviene mediante perdite ematiche e liquidi vari (ad esempio, la necessità di urinare sarà molto più frequente del solito), che iniziano a verificarsi dalla terza settimana successiva al parto e proseguono fino alla fine dei quaranta giorni. Questo consentirà alla donna, in maniera del tutto naturale e spontanea, di smaltire fino a due chili.
Importante nel calcolo della perdita di peso è, altresì, non dimenticare di tenere in considerazione la fase dell’allattamento, durante la quale la neo mamma farà uso delle calorie accumulate durante il parto. Questo a patto che mantenga un’alimentazione in linea con le proprie esigenze, sana, e che riprenda a condurre uno stile di vita leggermente attivo (ad esempio facendo brevi passeggiate nell’arco della giornata, trascorse le quattro settimane dal parto, sempre che il medico non le prescriva diversamente).
Pertanto, riassumendo con un breve conteggio, è possibile affermare che una donna, dopo aver partorito il proprio bambino, può facilmente arrivare a perdere dagli otto ai dieci chili. Tutto ciò tenendo in considerazione sia il momento stesso del parto (comprensivo quindi del rilascio del peso del bambino e delle sostanze sopracitate), sia le sei settimane successive, ritenute di assestamento fisiologico e quindi parte integrante del calcolo.

È possibile tornare completamente in forma dopo il parto?

Non sempre una donna riesce a lasciarsi alle spalle tutti i chili che vorrebbe, e le motivazioni possono essere le più varie. Ma tornare in forma dopo una gravidanza non è un’impresa impossibile, basta solo un po’ di pazienza e di costanza.
Il primo accorgimento è quello di bere tanta acqua, evitare i cibi grassi ed eccessivamente zuccherati. Un’alimentazione corretta, sia prima che dopo il parto, aiuterà senz’altro nel raggiungimento dei propri obbiettivi.
Nel caso in cui si sia trattato di un parto naturale, e sotto espressa indicazione del medico, è possibile aggiungere dell’attività fisica, anche se in tempi molto ridotti e solitamente corrispondente a sessioni di camminata più o meno veloce.
Occorreranno invece degli esercizi finalizzati al ripristino dei muscoli addominali (ad esempio dei normalissimi addominali), che consentiranno alla neo mamma di cominciare a lavorare su se stessa e di tornare in perfetta forma nel minor tempo possibile.