Ortoressia: cosa sapere sull’ossessione per il cibo

0
65

L’ortoressia è una patologia alimenterà che coinvolge molte persone oggi, inparticolare gli uomini. Si tratta dell’ossessione per il cibo sano, e può portare a conseguenze fisiche e psichiche pericolose.

Come si manifesta

Chi è patito di salute evita la maggior parte dei cibi grassi e zuccherati, nonché i carboidrati, i latticini, e quelli confezionati. Questi sono i cosiddetti malati di salute. E infatti l’ortoressia rappresenta un neologismo nato circa un ventennio fa ed indica l’ossessione del mangiar sano.

Viene considerata una patologia perché può avere gravi conseguenze psichicamente e fisicamente nelle persone il cui chiodo fisso è la ricerca di un corpo sano. Il tutto seguendo un’alimentazione selettiva abolendo del tutto quegli alimenti che altresì vengono considerati nocivi.

Da quando si parla di ortoressia

Il termine nasce all’incirca nel 1997 quando il medico del lavoro statunitense Steven Bratman, effettuò un’autodiagnosi. La sua abitudine era infatti quella di mangiare da solo e in silenzio, consumava solo verdure  raccolte da oltre 15 minuti, effettuava una masticazione di ogni boccone almeno 50 volte e cadeva in ipocondria qualora inavvertitamente ingerisse cibi considerati contaminati.

Bratman capì che il suo fosse un vero e proprio disturbo, lo descrisse e creò un test che viene usato ancora oggi per riconoscerlo. L’ortoressia non è ancora ampiamente riconosciuta dalla psichiatria in quanto non è inserita nel DSM-5. Questo perché l’ultimo aggiornamento del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali non lo ha previsto. Tuttavia UK problema c’è e va preso seriamente in conto.

I sintomi e la colpa delle palestre


L’ortoressico perde le ore agli scaffali di un supermercato, mette a paragone tra loro le etichette per cercare i cibi sani. Al contempo organizza con ossessione i pasti della settimana. Esclude ogni cosa contenente conservanti, coloranti, additivi chimici, ogm o cose simili. Inoltre mangia solo ciò con cucina con le sue mani, in quanto usa tecniche di cottura peculiari, e pensa di continuo agli alimenti.

Questa patologia ha una sua genesi, ma sicuramente contribuisce anche la frequentazione delle palestre. Nell’ambito sportivo e nei circuiti delle palestre gli uomini dai 40 ai 50 anni, vanno alla ricerca di diete ipocaloriche ed iperproteiche prestando la massima cura a ciò che mangiano.

Molti esperti credono che l’ortoressia possa diventare la migliore alleata della vigoressia, l’ossessione per la forma fisica. Motivo per cui i professionisti hanno individuato alcuni tratti del cosiddetto vigoressico: la troppa precisione, ossessione per la perfezione, la pretesa di performance sempre più elevate, una bassa autostima, tutti sintomi che possono finire con lo sfociare nell’orotoressia.

Come guarire? Inizialmente, il consiglio è quello di effettuare un controllo sul cibo per essere in grado di dominare l’ansia e aumentare l’autostima.