L’avocado riduce il senso di fame, parola degli esperti

0
33

L’avocado è ampiamente considerato un superalimento. Con la sua polpa verde cremosa, adorna piatti di tutte le varietà nelle prime colazioni, pranzi e cene.

Il frutto contiene una rara combinazione di grassi e fibre salutari ed è associato a una serie di benefici per la salute. Un nuovo studio sulla rivista Nutrients dimostra che mangiare un avocado come parte integrante di un pasto fa sentire meno affamati dopo 6 ore.

I pasti con avocado hanno ridotto la fame

Britt Burton-Freeman, Ph.D., professore associato di scienze alimentari e nutrizione e direttore del Center for Nutrition Research dell’Illinois Institute of Technology di Chicago, è l’autore dello studio senior.

Il team si è proposto di testare gli effetti della sostituzione dei carboidrati con l’avocado in un pasto sulla sazietà. Lo studio ha incluso 31 partecipanti in sovrappeso o obesi. I volontari hanno mangiato una colazione composta da un sandwich al sacco, melone di melata, farina d’avena e una bevanda aromatizzata alla limonata in tre diverse occasioni.

Il pasto di base era a basso contenuto di grassi e ricco di carboidrati, mentre i due pasti di prova contenevano metà o un intero avocado. Il conteggio delle calorie complessivo era lo stesso per ogni pasto. Ma le colazioni con avocado avevano il triplo della quantità di grasso e solo due terzi della quantità di carboidrati come pasto di controllo.

I volontari si sono sentiti più soddisfatti dopo i pasti contenenti mezzo avocado e hanno detto di sentirsi meno affamati dopo i pasti con un intero avocado.

Come saziarsi quindi?

Le analisi del sangue hanno dimostrato che diversi messaggeri molecolari erano responsabili della sazietà confrontando i pasti con e senza avocado.

Mentre la sazietà mediata dall’insulina dopo il pasto a basso contenuto di grassi e alto contenuto di carboidrati, c’era un chiaro legame tra il peptide YY dell’ormone intestinale e la sazietà soggettiva dopo il pasto contenente un intero avocado.

Nel documento, gli autori osservano che la ricerca suggerisce che il modo in cui la sazietà viene raggiunta attraverso la segnalazione biologica può avere implicazioni importanti.

Gli esperti dello studio hanno dichiarato che “Le risposte sulle diverse variabili di sazietà sono state sorprendenti e ci aiutano a capire [o] a pensare a come il grasso e la fibra possano funzionare per migliorare la sazietà, anche più tardi, nel periodo post-pasto“.

Non esiste una soluzione unica per tutti quando si tratta di una composizione ottimale del pasto per gestire l’appetito. Tuttavia, la comprensione della relazione tra la chimica degli alimenti e i suoi effetti fisiologici in diverse popolazioni può rivelare opportunità per affrontare il controllo dell’appetito e ridurre i tassi di obesità.