La protesi al ginocchio, quando serve l’intervento chirurgico

0
57
protesi al ginocchio

Il dolore cronico che va a colpire il ginocchio ha una causa, di solito, ben precisa, ovvero l’artrosi, che comporta anche una diminuzione del grado di funzionalità dell’articolazione stessa. Le tipologie di artrosi sono numerose, ma quelle più frequenti sotto questo aspetto sono certamente l’artrosi cronica senile, quella post-traumatica, quella reumatoide, quella secondaria e l’osteonecrosi.

La scelta di puntare sull’operazione passa chiaramente attraverso il consulto con il miglior specialista ortopedico, in cui anche la famiglia e il medico di base hanno un ruolo importante. È chiaro che il medico di famiglia può chiedere un consulto diretto con il chirurgo ortopedico, in maniera tale da capire se effettivamente la valutazione dell’intervento sia stata presa considerando tutti gli aspetti e se tale soluzione possa essere quella in grado di garantire la risoluzione del problema o, perlomeno, il miglior giovamento possibile al paziente.

Dolore e rigidità che impediscono le normali attività quotidiane

Sono varie le situazioni che possono portare il medico a consigliare un tale tipo di intervento chirurgico. Piuttosto di frequente, tali pazienti soffrono di dolore al ginocchio in maniera intensa. Oppure, sono colpiti da una rigidità tale da non poter svolgere le normali attività che caratterizzano la via di tutti i giorni, come ad esempio camminare, salire e scendere le scale e anche solo sedersi su una sedia in casa.

In altri casi, l’operazione chirurgica con la protesi di ginocchio può rendersi necessaria in caso di infiammazione cronica oppure gonfiore che colpiscono il ginocchio. Quando quest’ultimo non ottiene miglioramenti da ogni tipo di terapia base di ghiaccio, farmaci o infiltrazioni, ecco che l’ultima spiaggia diventa l’intervento chirurgico.

Un altro motivo che può indicare la necessità di fare un intervento chirurgico di protesi al ginocchio è senz’altro rappresentato dalla deformità del ginocchio. Ci sono dei casi in cui un ginocchio è diventato talmente flesso da non riuscire a piegarsi nemmeno più, oppure sia deformato, fin troppo, verso l’interno oppure nel caso contrario. In questi ultimi due casi, l’obiettivo della terapia chirurgica è quello di riallineare gli arti.

Gli impianti, infatti, non durano di certo per sempre, la cui media è pari a 15 anni. Un altro aspetto importante da considerare è certamente quello di limitare il proprio peso e seguire un’alimentazione equilibrata. Il peso eccessivo, infatti, può portare a diminuire notevolmente la durata che caratterizza le protesi.

L’intervento di revisione della protesi del ginocchio

Nel momento in cui una protesi è fallita perché è usurata, ecco che si dovrà procedere con la sostituzione. Si tratta di un intervento che viene chiamato di revisione della protesi del ginocchio e comporta indubbiamente qualche rischio in più in confronto al primo tipo di intervento. È bene sottolineare come la considerazione se praticare un intervento o meno dipende da vari fattori, tra cui il dolore avvertito dal paziente e il livello di disabilità, mentre l’età non è un dato indicativo da questo punto di vista.

Gran parte dei pazienti che subiscono un intervento di protesi totale del ginocchio ha un’età che va da 50 fino a 80 anni, ma la valutazione avviene chiaramente in base alle singole condizioni del paziente. Un simile intervento ha l’importante effetto di ridurre notevolmente il dolore avvertito al ginocchio, garantendo al contempo un netto miglioramento della capacità di svolgere le attività della vita di tutti i giorni.

Di conseguenza, gran parte dei chirurghi sottolinea come sia meglio evitare di svolgere delle attività fisiche che possono impattare in maniera eccessiva sul ginocchio in seguito all’operazione chirurgica. Vuol dire che non si può più fare sport? Assolutamente no. È consigliato il nuoto, passeggiate, golf, trekking leggero, bicicletta e ballo liscio. Tutto questo tenendo conto del fatto che, con le dovute attenzioni, la protesi del ginocchio può durare per svariati anni.