Come combattere l’ansia: cinque modi semplici ed efficaci

0
39

I disturbi d’ansia sono molto più comuni di quanto non sembri: a soffrirne, secondo stime recenti, sarebbe una fetta compresa tra il 3,5% e il 5% della popolazione mondiale. Percentuale che, per altro, pare essere cresciuta di ben due punti durante gli anni della pandemia, sia a causa delle preoccupazioni relative al rischio di contagio, sia per via di una brusca trasformazione delle abitudini di vita in seguito al lockdown.

Dinanzi ad un’incidenza così elevata – destinata ad aumentare anche nei prossimi anni – medici e psicologi sono in prima linea nel dare supporto alle migliaia di persone che stanno sperimentando una sofferenza più o meno grave, riconducibile appunto alle problematiche di carattere ansioso. Difatti, la buona notizia è che, oggigiorno, l’ansia, al pari della depressione e di molte altre patologie, può essere trattata in modo efficace, mediante un insieme di tecniche e terapie da definire in base al caso specifico.

Psicoterapia e, talvolta, farmaci sono indispensabili nelle forme più acute di ansia, ma anche i disturbi meno intensi ed invalidanti possono andare incontro a guarigione. Fondamentale, comunque, è la scelta di mettere in discussione le proprie abitudini ed apportare un cambiamento nello stile di vita, a cominciare dai seguenti consigli.

#1 Regolarizzare il sonno e la dieta

Per funzionare al meglio, la nostra mente ha bisogno di un corpo in buona salute e, di conseguenza, di ritmi regolari in fatto di sonno ed alimentazione. È accertato, infatti, che dormire poco e male, specie se in combinazione con una dieta povera di nutrienti, può peggiorare di gran lunga i sintomi ansiosi, oltre a generare molti altri disturbi.

#2 Ridurre il consumo di alcol e caffeina

Parallelamente a quanto detto finora, vi è un altro punto su cui è importante lavorare per ridurre, in particolare, l’ansia mattutina. Ci riferiamo al consumo giornaliero, o comunque frequente, di caffeina, alcolici e nicotina (per non parlare, poi, delle sostanze stupefacenti sia leggere che pesanti). Le conseguenze di tale consumo, per la psiche e per il corpo, possono essere piuttosto nefaste, per cui è preferibile eliminarle del tutto.

#3 Incanalare le energie in attività stimolanti

Un grande passo avanti nella cura dell’ansia consiste nel ritagliarsi qualche ora al giorno o un paio di pomeriggi alla settimana per dedicarsi ad attività piacevoli – poco importa se mai sperimentate prima – come lo sport, il disegno, la cucina, il giardinaggio o il fai-da-te. A volte trovare del tempo libero per se stessi non è facile, ma vale ugualmente la pena di tentare: in questo modo, infatti, potrai incanalare le energie in un hobby creativo, invece di rimuginare sui soliti cattivi pensieri.

#4 Imparare a “lasciare andare”

Spesso l’ansia dipende dall’anticipazione di eventi spiacevoli che potrebbero verificarsi più in là nel futuro, i quali sfuggono totalmente al nostro controllo. Per scacciare questo genere di preoccupazioni, gli esperti suggeriscono di svuotare la mente ed imparare a “lasciare andare” tutto ciò che non ricade sotto la nostra responsabilità diretta.

Tale metodo risulta particolarmente utile in caso di ansia da prestazione: ad esempio, in vista di un esame o di una prova importante, di un colloquio di lavoro, ecc..

#5 Ammettere i propri limiti

Ultimo aspetto, ma non per importanza, è l’accettazione dei propri limiti. Chiunque, infatti, può incontrare delle difficoltà durante il percorso di vita, ma ciò non significa che i suoi punti di forza debbano essere messi in ombra da eventuali fallimenti.

Ciò vale anche nella lotta all’ansia: se ritieni di non farcela a superare questo momento buio unicamente con le tue armi, affidati ad un professionista e, nel caso fosse necessario, inizia un trattamento farmacologico. I risultati, vedrai, arriveranno presto!