Dieta per colesterolo alto: cosa mangiare e cosa evitare

0
143

Il colesterolo, nonostante spesso sia descritto come un mostro per l’organismo, è un lipide molto utile poiché svolge diverse importanti funzioni. Nello specifico, il colesterolo è fondamentale per la produzione di vitamina D, di ormoni steroidei e dei sali biliari indispensabili per una corretta digestione. Un grasso “buono”, almeno finché resta nei livelli concessi, che può essere introdotto nell’organismo attraverso gli alimenti o prodotto autonomamente a livello epatico.

Tuttavia, un livello troppo elevato di colesterolo è tra i primi responsabili di malattie cardiovascolari, soprattutto se associato a fattori di rischio quali sedentarietà o fumo, pressione alta, diabete, stress e così via dicendo.

Ecco perché, per far sì che il colesterolo agisca in maniera positiva sull’organismo è bene che resti in determinati limiti, per questo è importante tenerlo sotto controllo periodicamente.

Colesterolo alto: cosa mangiare per ridurlo naturalmente

L’alimentazione svolge un ruolo chiave nella prevenzione e riduzione dell’ipercolesterolemia.

Diverse ricerche hanno dimostrato che la dieta mediterranea è il regime alimentare migliore per prevenire o ridurre naturalmente il colesterolo LDL nel sangue, il tutto sempre abbinato ad uno stile di vita sano corredato da una buona attività fisica aerobica quotidiana.

Tra gli alimenti più indicati nella prevenzione e / o riduzione dell’ipercolesterolemia troviamo verdure e frutta di stagione, pesce azzurro, frutta secca (perfetta per uno snack in sostituzione alle merendine confezionate), carni bianche, legumi e cereali integrali.

Altresì importanti i cibi antiossidanti, come per esempio ciliegie, tè verde e kiwi, che possono evitare l’ossidazione del colesterolo cattivo all’interno delle pareti arteriose, e gli alimenti funzionali come Danacol. La bevanda a base di latte scremato di Danone è infatti addizionata di steroli vegetali, molecole famose per essere nemiche del colesterolo LDL.

Diversi test hanno dimostrato che l’assunzione quotidiana di Danacol, per almeno tre settimane e a seguito del pasto principale, aiuta la riduzione naturale dell’ipercolesterolemia. Ovviamente, per far sì che non perda di efficacia, è importante che Danacol sia sempre assunto nel quadro di una dieta corretta ed uno stile di vita adeguato.

Gli alimenti da evitare se si soffre di ipercolesterolemia

Per prevenire o ridurre l’ipercolesterolemia esistono diversi alimenti assolutamente da evitare. Tra questi ricordiamo le frattaglie, il tuorlo d’uovo, le carni rosse, il latte intero ed i formaggi grassi.

Tutti questi cibi possono essere sostituiti, senza troppe rinunce, con alternative più salutari ed adatte ad una dieta equilibrata.

Al posto delle carni rosse si possono mangiare quelle bianche, il tuorlo può essere sostituito dall’albume, il latte intero con quello scremato e così via dicendo.Combattere il colesterolo cattivo è assolutamente possibile. Per farlo, però, è sempre bene cominciare da una modifica delle abitudini alimentari, oltre che dello stile di vita, rinunciando per sempre alla sedentarietà.