Lo stress è la causa di alcune malattie autoimmuni

0
140

Secondo nuove ricerche è emerso perché lo stress è un fattore di rischio per la malattia autoimmune. Gli scienziati hanno condotto degli esperimenti sui topi. Da qui è emerso che lo stress sociale persistente modifica il microbiota intestinale, o microrganismi, in modi che possono innescare determinate risposte immunitarie.

Perché lo stress influenza il rischio di malattie autoimmuni?

Le condizioni autoimmuni si sviluppano quando il sistema immunitario attacca i tessuti, gli organi e le cellule del corpo. Risponde a loro come se fossero batteri e virus che causano malattie.

L’ Istituto nazionale di allergie e malattie infettive suggerisce che ci sono almeno 80 malattie autoimmuni, tra cui il lupus , l’artrite reumatoide e il diabete di tipo 1. Gli studi hanno identificato lo stress come un fattore di rischio per la malattia autoimmune. Tuttavia, il meccanismo del collegamento non è chiaro.

Sappiamo che c’è una forte diafonia tra il sistema immunitario e il microbiota“, afferma l’autore e l’immunologo Orly Avni, Ph.D.

Avni e il suo team hanno scoperto che lo stress sociale persistente non cambia solo l’espressione dei geni nei batteri intestinali dei topi, ma anche la loro composizione. E la conseguente risposta immunitaria a quella minaccia ha messo a repentaglio la tolleranza verso se stessi.

I sintomi variano nelle malattie autoimmuni

Le cause di molte di queste malattie, che si verificano più frequentemente nelle donne rispetto agli uomini, non sono chiare. A parte i rischi ereditati, gli scienziati sospettano che le possibilità di sviluppare una malattia autoimmune derivino principalmente da complesse interazioni tra i geni e l’ambiente.

I risultati suggeriscono che esiste una catena di eventi in cui l’esposizione allo stress, i cambiamenti nei batteri intestinali e le modifiche alle cellule immunitarie comportano un rischio più elevato di un attacco autoimmune.

Tuttavia, Avni avverte che mentre sembra che i batteri dell’intestino possano reagire allo stress sociale, c’è ancora un modo per scoprire come questi eventi si sviluppano a lungo termine.

Una migliore comprensione di questa complessa relazione potrebbe, un giorno, portare a trattamenti di microbi intestinali personalizzati per condizioni autoimmuni che sono sensibili allo stress.

I ricercatori comunque ci hanno tenuto a sottolineare il limite di questo studio. Pertanto il coordinatore della ricerca ha dichiarato che “Non è sufficiente studiare la composizione o l’aumento o la diminuzione di una specie, dobbiamo anche capire come ci sentono i microbioti e come cambiano di conseguenza il loro ‘comportamento‘”. Per ora hanno semplicemente messo la parola inizio ad una scoperta molto più grande.