La religione fa bene alla salute psicofisica

0
67

Secondo un sondaggio eseguito su migliaia di persone è emerso che le esperienze mistiche influenzano positivamente la salute mentale di una persona. La religione può avere una vasta gamma di benefici per la salute, suggerisce la ricerca.

Religione e salute: cosa dice la scienza

Non a caso già uno studio apparso l’anno scorso aveva dichiarato che i credenti tendono a vivere 4 anni in più della media. Mentre un altro studio ha scoperto che frequentare le cerimonie religiose riduce il rischio di morte prematura tra gli anziani.

Roland Griffiths, Ph.D., professore di psichiatria e scienze comportamentali presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, MD, ha guidato il team a esaminare gli effetti di esperienze religiose spontanee e chimicamente indotte tra migliaia di partecipanti. Il Prof. Griffiths e colleghi hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista PLOS One.

L’esperimento

I ricercatori hanno chiesto a 4.285 partecipanti allo studio di rispondere a un sondaggio in cui hanno dovuto descrivere le loro “esperienze di incontro con Dio e esperienze mistiche”.

Le indagini hanno chiesto ai partecipanti le loro esperienze con il “Dio della [loro] comprensione”, un “Potere superiore, Realtà ultima, o un Aspetto o Emissario di Dio (ad esempio, un angelo)”. Il sondaggio ha anche chiesto come si sentivano i partecipanti dopo l’esperienza e come ha cambiato le loro vite, se non del tutto.

Circa il 69% dei partecipanti era di sesso maschile, di età media di 38 anni, e la stragrande maggioranza degli intervistati era di colore bianco. Lo studio ha esaminato le esperienze mistiche che si sono verificate sia in modo naturale che a seguito dell’assunzione di sostanze psichedeliche, utilizzando due diversi sondaggi.

Nel complesso, lo studio ha rilevato che la maggior parte dei partecipanti che ha avuto “esperienze di incontro con Dio” ha riportato effetti positivi sulla loro salute mentale. Vale a dire, le esperienze mistiche hanno migliorato la soddisfazione, lo scopo e il significato della vita. E questi cambiamenti positivi sono durati per decenni dopo l’esperienza.

La conclusione degli scienziati

Il ricercatore sottolinea il fatto che la loro ricerca non dice nulla sull’esistenza di un essere superiore. Il coordinatore della ricerca ci ha tuttavia tenuto a mettere una cosa in evidenza: “Vogliamo essere chiari che il nostro studio guarda alle esperienze personali e non dice nulla sull’esistenza o inesistenza di Dio”. L’esperimento ha avuto solo lo scopo di dimostrare come l’affidamento ad una entità superiore nella vita dell’uomo, agevola il decorso della sua salute, fisica e mentale.