Gli animali domestici fanno sentire gli anziani meno soli: e se fossero robot?

0
10

Quanto segue non sorprenderà i proprietari di animali domestici. Recenti ricerche hanno scoperto che interagire con gli animali può avere un impatto positivo sulla vita degli anziani che vivono nelle case di cura. Ma quello che potrebbe stimolare il loro interesse, anzi, l’interesse di tutti, sta nel fatto che nello studio eseguito, gli animali in questione non erano in realtà animali. Erano robot.

L’esperimento con animali robotici

Una revisione sistematica condotta dalla dott.ssa Rebecca Abbott presso l’Università di Exeter ha raccolto 19 studi da tutto il mondo. Questi hanno esaminato come la salute e il benessere degli anziani nelle cure residenziali sono stati influenzati dalle interazioni con i “robopets”, cioè, piccoli robot. Accessori progettati per imitare gli animali nell’aspetto e nel comportamento.

Sono stati poi coinvolti 900 anziani residenti in case di cura, le loro famiglie e membri del personale. La ricerca pubblicata sulla rivista International Journal of Nursing anziani ha scoperto che avere a che fare con questi animali robotici abbia diminuito sentimenti di solitudine. Ha altresì portato ad un aumento della gioia.

Avevamo un forum di assistenza domiciliare qui nel sud-ovest e avevano sentito parlare del valore della terapia animale e dei robot usati, e volevano sapere: era qualcosa a cui avrebbero dovuto pensare?” spiega la dott.ssa Abbott. “Così abbiamo esaminato le prove di ricerca provenienti da tutti gli studi pertinenti in tutto il mondo e quello che abbiamo scoperto è che questi robopets sembrano portare a riduzioni di solitudine e agitazione e portano anche piacere e conforto”.

Negli studi sono stati utilizzati cinque diversi modelli: Aibo (un cane), Necoro e Justocat (gatti), Cuddler (un orso) e Paro (un giovane sigillo). E il modo in cui hanno funzionato è strabiliante. Essi hanno facilitato e incoraggiato l’interazione tra i residenti. Nonché hanno agito come stimoli diretti anche per i residenti individualmente.

Cosa fanno gli anziani con gli animali

Un sacco di persone hanno riferito di confidarsi con l’animale domestico. Un gentiluomo ha dichiarato che non andrebbe a dormire fino a quando non gli è stato appoggiato il gatto sul suo petto. Un gatto che pesa all’incirca come uno vero e può fare le fusa.

La maggior parte delle persone ha trovato vantaggioso per loro in termini di comfort, piacere e interazioni, ma ovviamente non tutti. Alcuni lo odiavano attivamente, non amavano il peso di esso, o non gradivano il fatto che sembrava “meccanico.

Sono necessarie ulteriori ricerche per accertare quale sia il valore a lungo termine di queste creature pelose o se la novità finisca per svanire. Ma come sottolinea la Abbott, molte case di cura non possono effettivamente permettersi di avere i veri animali, e spesso i residenti non possono portare i propri animali domestici. Che si chiami ‘ terapia ‘ o ‘attività’, è qualcosa che potrebbero voler prendere in considerazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

69 − = 67