Dieta pancia piatta: i cibi da preferire e quelli da evitare

0
209
dieta

Un addome piatto e tonico è il sogno di molti ma, spesso, per varie motivazioni, riuscire ad avere la pancia piatta sembra un sogno irrealizzabile.

Aldilà di obiettivi irrealistici, è invece possibile ottenere un ventre piatto seguendo alcune semplici regole a partire da una dieta  mirata a combattere lo stomaco gonfio e diminuire così il senso di pienezza.

Vediamo più nel dettaglio le mosse da mettere in atto.

L’importanza della masticazione

Innanzitutto è fondamentale imparare a masticare con lentezza e a lungo, concedendosi il giusto tempo per mangiare senza ingurgitare un boccone dietro l’altro in preda alla fretta.

Altri vizi da evitare sono i chewingum che portano a incamerare troppa aria, bere bibite gassate ricche di bollicine e di zuccheri, e cedere ad attacchi di fame nervosa in cui si combinano tra loro cibi che non andrebbero accostati.

Sì agli ortaggi giusti

Per mantenere la linea è importante introdurre nella dieta una buona quantità di ortaggi come, ad esempio, i finocchi dalle note proprietà sgonfianti.

Attenzione a non mangiare la frutta subito dopo i pasti e a riservarla invece per gli spuntini, ottima mossa per chi soffre di pancia gonfia a causa dell’aerofagia.

Primi piatti salutari

Chi desidera avere una pancia piatta e tonica dovrebbe arricchire la dieta con primi piatti salutari come, ad esempio, pasta e riso integrale, kamut e orzo.

I cibi integrali apportano un elevato quantitativo di fibre e aiutano a regolarizzare l’intestino.

In più, i carboidrati complessi integrali sono l’ideale per consumare zuccheri a lento rilascio di energia senza correre il rischio di picchi d’insulina e per abbassare l’indice glicemico del pasto.

Infusi per la pancia piatta

Durante la giornata e dopo i pasti sono indicate le tisane digestive e gli infusi sgonfianti, in particolare: infusi di foglie di alloro, liquirizia, semi di finocchio, menta piperita, tarassaco e anice.

I cibi immancabili

Nella dieta per la pancia piatta non può poi mancare il pesce (soprattutto quello azzurro ricco di Omega3) con i suoi acidi grassi essenziali che favoriscono il benessere di tutto l’organismo.

Importante anche assumere uova, tofu, carne bianca e lo yogurt bianco magro ricco di fermenti lattici vivi che aiutano a riequilibrare la flora batterica intestinale.

Il latte può essere sostituito da bevande vegetali come latte di riso, di soia, di mandorla o di avena.

I cibi da evitare

No invece a salumi, i fritti, il junk food, il cappuccino, un consumo eccessivo di lenticchie e legumi, zucchero, lieviti, farine raffinate e dolcificanti artificiali.