Bevande energiche fanno male al cuore?

0
40

Le bevande energetiche sono popolari, specialmente tra adolescenti e giovani adulti. Ma stando ad una sperimentazione clinica, esse sono responsabili di disturbi ai ritmi cardiaci e alla pressione sanguigna dei volontari.

In che modo le bevande energetiche influenzano il cuore?

Le bevande energetiche sono il secondo integratore alimentare preferito da adolescenti e giovani negli Stati Uniti, secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH).

Ricche di caffeina e altri ingredienti (tra cui guaranà, taurina, ginseng e vitamine) queste bevande promettono di aumentare la concentrazione, migliorare le prestazioni fisiche e ridurre l’affaticamento. 

Eppure prove crescenti pongono un’attenzione diversa a queste bevande energetiche. “Consumare bevande energetiche solleva importanti problemi di sicurezza“, secondo gli esperti..

Nello studio clinico, i ricercatori dell’Università del Pacifico di Stockton, in California, insieme a collaboratori di altre istituzioni, hanno identificato il modo in cui il consumo di bevande energetiche colpisce il cuore.

L’esperimento in laboratorio

L’autore dello studio principale Sachin A. Shah, professore di pratica in farmacia presso l’Università del Pacifico, ha arruolato 34 adulti tra i 18 ei 40 anni.

Dopo un digiuno notturno, i volontari hanno consumato due bottiglie da 16 ml di una delle due bevande energetiche o un placebo, che conteneva acqua gassata, succo di lime e aroma di ciliegie. Né i partecipanti né i ricercatori sapevano chi ha bevuto quale prodotto.

I ricercatori hanno quindi misurato i ritmi cardiaci dei volontari con l’elettrocardiogramma standard e le letture della pressione sanguigna ogni 30 minuti per un totale di 4 ore.

Mentre il consumo della bevanda al placebo ha causato un cambiamento massimo nell’intervallo della frequenza cardiaca di 11,9 ms, le due bevande energetiche hanno determinato variazioni massime medie di 17,9 ms e 19,6 ms.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno visto cambiamenti significativi nella lunghezza dell’intervallo della frequenza cardiaca fino a 4 ore dopo che i volontari avevano consumato le bevande energetiche.

Cosa può cambiare questa scoperta?

Nello studio, gli autori spiegano che la caffeina nelle bevande energetiche può aver contribuito al cambiamento della pressione sanguigna, ma solo in una certa misura. Altri ingredienti, in particolare la taurina, potrebbero anche avere un ruolo loro specifico.

Abbiamo trovato un’associazione tra consumo di bevande energetiche e cambiamenti negli intervalli QT e pressione arteriosa che non possono essere attribuiti alla caffeina. Abbiamo urgentemente bisogno di investigare il particolare ingrediente o la combinazione di ingredienti in diversi tipi di bevande energetiche che potrebbero spiegare i risultati osservati nel nostro test clinico.”

Tuttavia, il Prof. Shah raccomanda cautela. Il pubblico dovrebbe essere consapevole dell’impatto delle bevande energetiche sul loro corpo, soprattutto se hanno altre condizioni di salute di base. I professionisti sanitari dovrebbero consigliare ai loro pazienti di limitare o monitorare il consumo di queste bevande.