Aterosclerosi e inquinamento: possibile collegamento?

0
26

Una nuova ricerca suggerisce che l’esposizione cronica all’ozono ambientale può aumentare il rischio di aterosclerosi e danneggiare la salute arteriosa.

Smog e aterosclerosi: un possibile collegamento

Nuove scoperte indicano che lo smog, che in gran parte consiste nell’ozono ambientale, può portare all’aterosclerosi, una condizione cardiovascolare. L’aterosclerosi è il risultato di depositi di grasso – come colesterolo , grasso o rifiuti cellulari – che si accumulano all’interno delle arterie di una persona.

Nel tempo, l’accumulo di placca all’interno delle pareti dei vasi sanguigni ispessisce le arterie, che restringono il sangue, i nutrienti e l’ossigeno che normalmente raggiungono il resto del corpo.

L’aterosclerosi può portare a eventi cardiovascolari più pericolosi, come la cardiopatia coronarica o la malattia delle arterie periferiche , nonché un infarto o ictus .

Una nuova ricerca punta il dito contro un altro possibile colpevole: l’inquinamento atmosferico. Meng Wang, Ph.D., assistente professore di epidemiologia e salute ambientale presso l’Università di Buffalo School of Public Health e professioni sanitarie a New York, è l’autore principale dello studio.

L’esperimento e le possibili soluzioni

Wang e colleghi hanno seguito clinicamente 6.619 adulti, che avevano 45-84 anni e che non avevano malattie cardiovascolari o altre condizioni all’inizio dello studio. Hanno seguito i partecipanti per un periodo medio di 6,5 anni, 

Abbiamo utilizzato modelli statistici per stabilire se esistano associazioni significative tra esposizione all’ozono e aterosclerosi”, spiega Wang. Il modello suggerisce che esiste un’associazione tra esposizione a lungo termine all’ozono e progressione dell’aterosclerosi.

Nello specifico, lo studio ha trovato un’associazione tra esposizione cronica all’ozono e un aumento della progressione dello spessore della parete carotidea. Nonché rischio di nuova formazione della placca. Questi risultati hanno suggerito una lesione arteriosa nelcarotideo arterie – i due grandi vasi che forniscono sangue alla testa e al collo.

Questo potrebbe indicare che l’associazione tra esposizione a lungo termine all’ozono e mortalità cardiovascolare che è stata osservata in alcuni studi è dovuta alla lesione arteriosa e all’accelerazione dell’aterosclerosi”, commenta Wang. Tuttavia, i ricercatori ammettono di essere al buio per quanto riguarda ciò che potrebbe causare questo collegamento. 

È possibile dimostrare che esiste un’associazione tra esposizione all’ozono e questo risultato, ma il meccanismo biologico per questa associazione non è ben compreso. Questo secondo Wang.

Secondo le conoscenze degli autori, questo è il primo studio epidemiologico per esaminare il legame tra esposizione all’ozono e “malattia vascolare subclinica”, cioè lesioni che danneggiano le pareti delle arterie prima che si verifichi un infarto o un ictus.

Secondo l’American Lung Association, l’ozono troposferico danneggia anche il tessuto polmonare quando viene respirato. Spesso definito come lo smog, l’ozono è una molecola di gas che danneggia il tessuto polmonare reagendo chimicamente ad esso.